Stylosophia | Fashion blog Italia |

di Alessandra Oliva

Carnations – I fiori dei poeti

“Luogo meraviglioso. Messaggero di pietra. Musica celestiale. Tenebrose presenze. Quello che lei cerca è al Cimitero degli Inglesi, degli Artisti e dei Poeti.”
Edward Percival Forster

“Il cimitero è uno spazio aperto tra le rovine, ammantato d’inverno di violette e margherite. Potrebbe far innamorare qualcuno della morte, pensare di essere seppelliti in un posto così dolce.”
Percy Bysshe Shelley

 

Breve storia in immagini dedicata al fascino e alla poesia dei cimiteri, luoghi dove regna un’atmosfera magica e particolare ben descritta da Shelley, che da perfetto poeta romantico, era affascinato dai camposanti.

Sono luoghi di pace, di riflessione, ma soprattutto luoghi dove spesso si possono ammirare stralci di bellezza, di arte e di storia.

Vestita di un lungo abito romantico dai colori tenui, percorro i viali di un vecchio cimitero con in mano un mazzo di garofani, i fiori dei poeti, che in inglese suonano così bene come carnations. Fiori e colori ben lontani dai cliché delle foto cimiteriali tenebrose, inquietanti e di nero vestite, perché la poesia dei cimiteri è per me come quella dei garofani; luminosa, eterea, piena di mistero e profumata di antico.

Il “messaggero di pietra” è un piccolo mondo antico che dovremmo visitare tutti più spesso; per portare un fiore ai defunti, e per ammirare la bellezza di questi luoghi scolpiti nella pietra, che spesso racchiudono piccole e grandi opere d’arte.

Buona settimana, fashion people.

Leave A Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.