Stylosophia | Fashion blog Italia |

di Alessandra Oliva

Miami 1946 – Hitchcock e la moda 4

Miami 1946: è il dove e il quando si svolgono le prime scene di Notorius – L’amante perduta.

Primo capolavoro del periodo americano di Hitchcock, il cult movie si apre, dopo un antefatto, con una festa in una villetta di Miami dove Ingrid Bergman si muove tra i tavoli col bicchiere in mano e vestita di un delizioso stile navy chic.

Il primo di una serie di look rimasti nella storia del cinema e della moda del regista, che in questo film inizia la sua feconda collaborazione con la costumista Edith Head (la stessa che creerà i costumi di scena per La finestra sul cortile e altri film). Per gli abiti indossati da Ingrid Bergman, il regista aveva un’idea chiarissima e precisa: doveva essere uno stile improntato a semplicità ed eleganza senza fronzoli, senza grandi accessori, uno stile di una purezza che si intonasse alla bellezza pura dell’attrice.

Nelle scene iniziali Ingrid, nei panni di Elena, figlia di una spia tedesca e assoldata da Cary Grant, agente segreto, per un delicato lavoro di infiltrata, indossa un look che doveva rispecchiare lo stile di vita di una ragazza da party. Compare così quel bellissimo completo con crop top a righe e gonna plissè bianca, un look dall’eleganza semplice e chic.

Sembra quasi impossibile che nei tardi anni Quaranta una ragazza vestisse con la pancia semi scoperta, come una Brigitte Bardot nella Saint Tropez degli anni Sessanta, ma questa è una delle cose inaspettate di quel periodo storico, capace di colpi di audacia moderna come questo.

Finita la festa, Ingrid- Elena in compagnia del misterioso e affascinante sconosciuto, si lancia in una corsa in macchina, non prima che lui le leghi intorno alla vita un foulard, altro tocco di chiccheria nella moda del film.

Gli abiti che indossa la Bergman nel seguito del film sono la quintessenza della moda della metà degli anni Quaranta; dall’abito da sera nero con scollo ovale sulla schiena, che indossa nella famosa scena della festa in casa di Sebastian, al tailleur con cappello con veletta, per non parlare poi delle pettinature, come gli iconici victory rolls,  che acconciavano i capelli sulla fronte in due onde voluminose.

Notorius, che Francois Truffaut definì la quintessenza del cinema di Hitchcock, ha rappresentato sul piano estetico anche la quintessenza dell’eleganza anni Quaranta.

Rievocando il look da party girl da spiaggia indossato da Ingrid Bergman all’inizio del film, ho pensato a un look che fosse ispirato a Notorius, ma anche adatto alle serate estive in riva al mare. Un crop top in stile navy, una gonna plissè leggermente brillantinata, sandali argentati, e come accessori solo dei piccoli orecchini a cerchio, che con lo stlile navy stanno sempre bene, sono la mia traduzione moderna di quella Miami 1946.

Alla prossima ispirazione, fashion people!

 

Top: H&M

Skirt: Zara

Foulard: vintage

 

 

 

Leave A Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.