Stylosophia | Fashion blog Italia |

di Alessandra Oliva

Sognando il Settecento

Sognando il Settecento

“La realtà dipende dall’immaginazione.”

Giacomo Casanova

La realtà dipende dall’immaginazione,  scriveva Casanova, celebre libertino e intellettuale del Settecento, e in effetti, la realtà senza il potere dell’immaginazione sarebbe davvero povera e monotona. Questo motto rappresenta bene non solo chi vive di immaginazione e di estro, ma anche il secolo di Casanova, quel diciottesimo secolo che vide da una parte il trionfo del razionalismo degli illuministi, ma dall’altra quello dell’immaginazione, della fantasia, del culto della bellezza.

Il Settecento è sempre stato il periodo storico da me preferito, fin dai tempi in cui bambina visitai la reggia di Versailles e i suoi giardini, poi Venezia col Museo del Settecento, gli affreschi color pastello di Tiepolo, le maschere del Carnevale: un elenco infinito di luoghi dove la bellezza viene celebrata con sfarzo raffinato e fantasia nell’ immaginare mondi diversi dal quotidiano. La moda poi, ha lasciato un segno così forte nell’immaginario collettivo, che ancora oggi in tante collezioni si ritrova spesso un accenno o una riproposizione degli abiti settecenteschi. Una moda raffinata e sensuale che esaltava la grazia del corpo femminile scoprendo il collo, il punto vita, il decoltè, e trasformava le gonne in vaporosi panni da regina.

I vari musei del costume, la storia dell’arte e soprattutto il cinema ci hanno raccontato la grazia e l’estrosità della moda di quel secolo, facendo sognare tante di noi coi costumi di Maria Antonietta o coi balli per ricchi del carnevale di Venezia, ma indossare un abito d’epoca non è impresa semplice nè per il portafoglio nè per l’occasione d’uso.

Grazie ai social nulla è impossibile, e così un abito storico tanto sognato può entrare nel guardaroba regalando emozioni d’altri tempi.

In queste foto indosso un abito in stile settecentesco ispirato agli abiti da campagna di Marie Antoinette, e che richiama in generale il tipo di abiti indossati in occasioni meno non ufficiali dalle dame dell’alta società. Una romantica stampa floreale, trine di pizzo e merletti,  fiocchetti con perline in pieno stile rococò creano un abito leggiadro, molto femminile e un po’ frou frou, che con un po’ di audacia può essere indossato in varie occasioni al di fuori delle feste in costume.

Sognando il Settecento e le sue atmosfere raffinate, libertine, talvolta frivole e brillanti, talvolta velate di malinconia, ho trasformato una camera moderna in un set al lume di candela – l’unica fonte di illuminazione dell’epoca – dove trasformare il reale in immaginario, e viceversa.

Il trucco è ispirato ad alcuni dei colori in voga a quell’epoca, e in particolare al make up di Marisa Berenson in Barry Lindon. L’abito che indosso è stato realizzato da Ann.tique, che ripropone la bellezza degli abiti storici nelle sue magnifiche creazioni su Instagram.

Lasciamo da parte il reale e diamo più spazio all’immaginazione, anche indossando ogni tanto qualcosa di speciale, di antico, di fuori dal comune, di stupefacente.

Buona settimana, fashion people!

Dress: Ann.tique

Headbend: Mazzanti Piume

Leave A Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.