Stylosophia | Fashion blog Italia |

di Alessandra Oliva

Lady Lilith

Lady Lilith

Ph La Camera Chiara

Voglio essere un’opera d’arte vivente.

Marchesa Luisa Casati

Lady Lilith: un omaggio alla bellezza dell’arte preraffaellita attraverso l’incontro tra fotografia, pittura e moda.

Decido di far rivivere uno dei dipinti simbolo di Dante Gabriel Rossetti, restando fedele alla mia idea di blog e alla mia vocazione al “vivere inimitabile”, vestendo i panni di questa lady vittoriana che ha tanto da dire sul femminile.

Lady Lilith, dipinta da Rossetti tra il 1866 e il 1868, oltre ad essere un’opera di sfolgorante bellezza e sulla bellezza, è un interessante simbolo dell’emancipazione e libertà femminile.

Chi era Lilith? Per gli antichi ebrei Lilith era la prima moglie di Adamo – precedente ad Eva -che fu ripudiata e cacciata via perché si rifiutò di obbedire al marito che voleva sottometterla. Nell’immaginario popolare ebraico era considerata un demone notturno, una sorta di creatura vampiresca diremmo oggi, che incarnava tutti i lati negativi del femminile: adulterio, lussuria e stregoneria.

E’ affascinante notare poi come nella cartomanzia e nell’astrologia Lilith indichi la Luna nera, che simboleggia il potere dell’inconscio e la ribellione femminile.

Alla fine dell’Ottocento, quando si vedono i primi barlumi di emancipazione della donna, Lilith diventa il simbolo del femminile che non si assoggetta all’uomo, ed è così che il grande Dante Gabriel la vuole raffigurare.

Una classica lady vittoriana è intenta a pettinarsi davanti allo specchio nell’intimità della propria camera.

I suoi lunghi e magnifici capelli rossi, la spalla nuda e le labbra carnose rappresentano tutta la sua sensualità e il suo potere maliardo, mentre le rose bianche intorno rimandano invece alla purezza e all’amor platonico. Lilith non è più incarnazione del demone notturno o di una strega, ma una donna libera che non teme di mostrare narcisisticamente la sua bellezza, in una sacra sensualità che unisce lo spirito e la carne.

Così, ancora una volta scopriamo quanto il costume sia strettamente legato alla storia dell’arte, che da sempre è lo specchio della moda e della cultura di un’epoca.

Da questo boudoir preraffaellita, auguro a tutti una felice settimana nuova.

Leave A Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.