Stylosophia | Fashion blog Italia |

di Alessandra Oliva

Storia della lingerie: i collant

Storia della lingerie

Buongiorno, fashion people!

Anno nuovo, nuovi progetti anche per  il blog: uno di questi, è l’idea di inserire una rubrica fissa, a cadenza mensile, dedicata alla lingerie.

Storia della lingerie: una rubrica con cenni storici, idee look e racconti fashion con la mia interpretazione di questo universo così seducente eppure ancora un po’ “di nicchia” rispetto ad altri argomenti attinenti alla moda. Comincio questa “Storia della lingerie” con la storia e le idee look su un capo senza il quale non esisterebbe la donna moderna: i collant.

Ufficialmente nati nel 1959 negli Stati Uniti, vengono proposti non più soltanto nel color carne degli anni Quaranta, ma in nero.  Le calze collant diventano subito un accessorio indispensabile per completare i look femminili, da quelli del quotidiano a a quelli audaci delle pin up.

Il vero boom dei collant si ha però negli anni Sessanta quando con l’invenzione della minigonna diventano indispensabili, ed è a partire da quegli anni rivoluzionari che iniziano a comparire collant in colori più accesi, con stampe e fantasie; negli anni Ottanta si trasformano invece in chiave punk e rock (vedi i look di Madonna e Courtney Love), quindi calze a rete o bucate con grandi strappi.

L’evoluzione dei collant fino ad oggi non si arresta mai, con le ultime novità delle calze contenitive, di quelle modellanti del “lato b”,  e di quelle senza cuciture; in ogni caso, al di là della loro grande evoluzione nella storia della moda, i collant restano tutt’ora uno strumento di seduzione per gli stilisti quanto per le donne.

Se il trend del momento è sicuramente la calza a rete, come sapete nelle collezioni dei brands di intimo si trovano collant di ogni genere, dal classico coprente nero a quello con stampe di ogni genere; sta dunque solo a noi scegliere di che collant siamo, a seconda del look che abbiamo indosso, e a seconda dell’umore del momento.

Collant: ma perchè scegliere sempre i soliti noti? Anche nella scelta dei collant, infatti, l’impressione è che le donne abbiano sempre paura di osare e di staccarsi da alcuni cliché. La calza velata nera sarà pure da 9 settimane e mezzo, ma francamente è anche un po’ vedovile; al suo posto, la scelta di un paio di collant a rete è decisamente più moderna e chic. Le calze coprenti colorate: perchè non usarle mai e ripiegare sempre sul solito nero? Un paio di calze in un colore pop, oppure in un bel rosso bordeaux, può rendere grintoso e originale anche un look molto semplice.

In foto, una raccolta di look con diversi generi di collant, dal classico nero coprente al più eccentrico effetto tattoo.

E buona settimana a tutti!

 

22 Discussions on
“Storia della lingerie: i collant”

Leave A Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.